Araba Fenice

Quanto ti costa un minuto?

Dammi un cenno, un saluto

Se ancora sai chi sono

Se non l’hai mai saputo.


Quando ma e pa’ erano stanchi, c’eri sempre tu su cui contare

E mentre diventiamo grandi, cresce con noi la paura di parlare


E ora posso ridere di tutti i torti

È un pò come distinguere

La stessa anima in due corpi.


Come fuoco che brucia, tu non lo puoi gestire

Come fuoco che brucia, non cura mai le tue ferite

Come fuoco che brucia, sorvolerò 

Araba fenice


Le ginocchia sbucciate come cane e gatto litigate

Latte miele la notte era la pace delle mie lotte

Mi hai cresciuta tu, mi hai portato al mare

E se lo hai fatto tu com’è che ora lo vuoi scordare


Testa alta spalle larghe per non annegare

Ti chiami capitano ma poi?

Ma poi sei tu..che abbandoni la nave

Resti sempre tu ma abbandoni


Come fuoco che brucia, tu non lo puoi gestire

Come fuoco che brucia, non cura mai le tue ferite

Come fuoco che brucia, sorvolerò 

Araba fenice


Credevo fosse diverso, volevo avere un fratello

Credevo nell’avere amore cinico e vero sul serio come l’universo

Invece scorre lento questo viaggio immenso

Su cose non dette, cose non fatte e poi? me ne pento.


Come fuoco che brucia, tu non lo puoi gestire

Come fuoco che brucia, non cura mai le tue ferite

Come fuoco che brucia, sorvolerò 

Araba fenice


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.